Storia
La Coppa d’Oro delle Dolomiti si svolse in dieci edizioni, dal 1947 al 1956, e divenne da subito unica e affascinante per i passaggi spettacolari sulle Dolomiti, le montagne che cambiano colore a ogni ora del giorno (dal 2009, Patrimonio mondiale dell’Umanità Unesco). Nata per volontà di Ferruccio Gidoni, presidente dell’AC Belluno di allora, la corsa ebbe come testimonial d’eccezione il mitico Tazio Nuvolari, che partecipò come ospite d’onore alle prime edizioni.
Fu un importante banco di prova per piloti affermati di grandi case automobilistiche che si trovavano a competere anche con perfetti sconosciuti, com’era nella tradizione delle corse di quei tempi; piloti non professionisti ma sempre e comunque determinati a spingere al massimo dando filo da torcere ai più rinomati campioni.

Il percorso rimase sempre quello di 303,800 chilometri (riprodotto nella sede dell’AC Belluno). Partendo da Cortina: Passo Falzarego, Agordino, Arabba, Passo Pordoi, Val di Fassa, Passo Rolle, San Martino di Castrozza, Fiera di Primiero, Feltre, Belluno, Longarone, Pieve di Cadore, Auronzo, Misurina e il Passo Cimabanche. Quindi, il ritorno in quella che è conosciuta in tutto il mondo come la "Regina delle Dolomiti", Cortina d'Ampezzo.

1947 | La prima vittoria è dell’Alfa Romeo
Sulla scia delle grandi corse stradali d’epoca – appassionanti sfide che si svolgevano sulle strade di tutti i giorni, tra ali entusiaste di pubblico – e grazie alla collaborazione economica e organizzativa di istituzioni e operatori pubblici e privati, tra cui gli albergatori locali, l’AC Belluno riesce a dare vita a una competizione destinata ad avere un ruolo importante nell’automobilismo italiano dell’epoca. Affrontando le difficoltà del periodo post bellico, si presentano al via 118 piloti, ma al traguardo ne arrivano solo pochi più della metà, 74. Alla vigilia i favoriti sono Giovanni Bracco e Piero Dusio, ma a vincere è invece Salvatore Ammendola, su Alfa Romeo C 2500 del 1939, in poco meno di quattro ore e alla media di 76,49 km/h. Le cronache dell’epoca scrivono, esagerando, che scese dall’auto fresco e riposato come dopo una gita di piacere. Dusio, pilota-imprenditore, è secondo su un auto da lui prodotta, la Cisitalia 202 MM detta ‘Razzo’; terzo è Alberto Gidoni, figlio del presidente dell’AC Belluno, su Fiat Gidoni 1100 S. Grande è il coinvolgimento degli Automobile Club ‘delle Venezie’: Belluno, Bolzano, Padova, Rovigo, Trento, Treviso, Trieste, Udine, Venezia, Verona e Vicenza. Gorizia si sarebbe aggiunta l’anno successivo.
1948 | La doppietta della Maserati
Nella seconda edizione, al termine di una corsa folle ricca di spettacolari colpi di scena, vince Giovanni Bracco, su Maserati A6 GCS, in 3 ore, 40 minuti e 27 secondi, alla media di 82,56 km/h. Precede il compagno di squadra Gigi Villoresi, che arriva al traguardo con una gomma a terra, e contribuisce con questa vittoria alla sua affermazione di campione italiano assoluto del ‘48. La Ferrari, che partecipa ufficialmente alla corsa con Clemente Biondetti, deve accontentarsi del terzo gradino del podio. A salirvi non è Biondetti, ma il pilota ‘privato’ Soave Besana, con una 166 Inter. Quarti assoluti, per il secondo anno sono i coniugi Alberto Comirato e Lia Dumas Comirato, su Fiat 1100, reduci dal secondo posto assoluto alla Mille Miglia di quell’anno. Debuttano tre giovanissimi fratelli Marzotto che si classificano: Giannino, ventenne, 12° (su Lancia Aprilia 1500), Paolo, 18 anni non ancora compiuti, 14° (su lancia Aprilia 1500) e Umberto, ventiduenne, 26° (su Cisitalia 202).
1949 | La doppietta della Ferrari
Quasi rispondendo alla sfida dell'anno precedente, prime sul podio salgono due Ferrari. Roberto Vallone con la Ferrari 166 Inter vince con il tempo di 3 ore, 45 minuti e 2 secondi alla media di 81,00 km/h. Secondo è Franco Cornacchia, su Ferrari 166 MM, mentre – a causa del ritardo per un passaggio a livello chiuso – terzo assoluto conclude Franco Rol, su Alfa Romeo 6C 2500 competizione. L'edizione del '49 si ricorda anche per i debutti – con le Urania BMW 750 – di Maria Teresa De Filippis, prima donna pilota in Formula 1 l'anno successivo, e di Berardo Taraschi, che fu anche il padre della Giaur. Con una Fiat 1100 partecipa il famoso carrozziere "Nuccio" Bertone. Presente in veste di ospite il campione Tazio Nuvolari. Sul percorso di gara, il giorno prima, si disputa il XII Rallye des Alpes che contribuisce a far crescere l'interesse per la corsa.
1950 | Tra due Ferrari si piazza una Maserati
I fratelli Marzotto cominciano a imporsi nella Coppa. La vittoria assoluta è di Giannino, affiancato dal fido Marco Crosara, su una splendida Ferrari 195 S. Il tempo è di 3 ore, 41 minuti e 31 secondi alla media di 84,97 km/h. Dopo di lui, al termine di un lungo duello che distanzierà primo e secondo di soli 14 secondi, arriva Giovanni Bracco, su Maserati A6 GCS, già vincitore a Cortina nel '48. Il terzo posto è di Franco Cornacchia, su vettura gemella di quella di Marzotto, arrivato secondo l'anno prima. In quest'edizione debutta nella Coppa l'ottimo Luigi Fagioli, già pilota ufficiale di Alfa Romeo, Maserati e Mercedes, qui su Osca Mt 4. È quinto assoluto, dietro Sergio Sighinolfi, alla guida di una Fiat Stanguellini 1100. Proprio per la Casa torinese si segnala una presenza massiccia di vetture con la 500 Topolino: se ne iscrivono 32, versioni B e C, e al traguardo ne arrivano 25.
1951 | La doppietta della Lancia
Un'altra grande Casa italiana sale con due vetture in cima al podio. La Lancia – rientrata quell'anno nelle competizioni sportive – nell'edizione in cui la corsa cambia il suo nome in Coppa d'Oro delle Dolomiti, si aggiudica con lo stesso modello di auto, la Aurelia B 20, primo e secondo posto. Vince Enrico Anselmi – in 3 ore, 45 minuti e 7 secondi alla media di 80,97 km/h – che precede Umberto Castiglioni, più noto come "Ippocampo". Terzo, e vincitore della categoria Sport, è un pilota che otterrà grandi risultati anche nelle edizioni successive: Giulio Cabianca, veronese, con la Osca Mt4. Una presenza significativa è quella del carrozziere che ha iscritto il suo nome nel firmamento dell'automobilismo internazionale: Elio Zagato che, per la cronaca, vince la categoria Gran Turismo su una Fiat Zagato 750. La Lancia è anche quarta, sempre con l'Aurelia B 20, con quel Salvatore Ammendola che vinse la prima edizione.
1952 | Quattro fratelli Marzotto, tutti su Ferrari
L'immagine della sesta Coppa d'Oro delle Dolomiti è una foto di famiglia. Quella Marzotto, con quattro fratelli nei primi sette posti (al Falzarego occupavano i primi quattro posti). Vince Paolo su Ferrari 225 S in 3 ore, 22'25"3/5 alla media di 89,840 km/h. A 3 minuti e 22 secondi arriva Giannino su Ferrari 340 America. Per interrompere l'elenco dei fratelli occorrono due grandi campioni della corsa: Giulio Cabianca, con la fascetta tricolore di campione d'Italia sul casco, terzo su Osca Mt 4 1100 e Salvatore Ammendola su lancia Aurelia B 20 Corsa. Il terzo fratello al traguardo è Vittorio con lo stesso modello d'auto del vincitore, poi in classifica, come sesto, si inserisce "Ippocampo" (Umberto Castiglioni) e l'ultimo rampollo ad arrivare, della celebre casata imprenditoriale del tessile, è Umberto su Ferrari 212 Export. Ammendola vince la categoria Gran Turismo classe oltre 1500 e porta a casa la prima Coppa d'Oro delle Dolomiti per il miglior tempo realizzato nel triennio 1950-1952.
1953 | La doppietta di Paolo Marzotto
Superando il confine psicologico della media oraria dei 90 km/h, esattamente con 91,913 km/h, Paolo Marzotto – indossando una cravatta elegante - bissa il successo dell'anno precedente. La Ferrari è una 250 MM, il tempo è di 3 ore 18'19". A contendergli il successo, in un lungo e appassionante duello, il romano Piero Taruffi - detto "La volpe argentata" per i capelli grigi, l'esperienza e la scaltrezza – che arriva secondo con una Lancia D 20. Terzo è Umberto Maglioli alla guida della Ferrari 735 S, l'auto che Enzo Ferrari aveva negato a Paolo Marzotto, profetizzandone però la vittoria addirittura nell'esatto ordine di arrivo. Paolo si prende una rivincita su Giannino che pochi mesi prima l'aveva battuto vincendo la Mille Miglia. È da citare, ancora una volta, Giulio Cabianca, su Osca Mt 4; l'unico capace di inserirsi con decisione nella battaglia fra ferraristi e lancisti che caratterizza le prime dieci posizioni della classifica assoluta.
1954 | L'unica Maserati vince
Ottava edizione: la corsa è abbinata al Rallye des Alpes, ora Criterium des Alpes. La strada del percorso è sempre più asfaltata, ma la velocità in corsa non aumenta di molto. Il duello più avvincente di quest'anno è tra l'outsider Sergio Mantovani – che vince con la Maserati A6 GCS in 3 ore, 19'36" alla media di 91,31 km/h – e una delle grandi stelle della corsa, Giulio Cabianca su Osca Mt 4 1500. Terzo, con la Ferrari 250 Monza, arriva il favorito Gerino Gerini, nobile e spericolato, a lungo al comando della gara, poi incorso in un guasto che lo rallenta minacciandone il ritiro. Quarto, per l'ennesima volta nella storia della Coppa, è Salvatore Ammendola con la Ferrari 3000. In classifica generale, sotto la metà, si trova il nome di Mario Poltronieri, futuro giornalista e voce televisiva dell'automobilismo italiano per molti anni.
1955 | La prima e ultima vittoria straniera
La penultima è un'edizione molto combattuta e ricca di colpi di scena, nella quale solo la metà dei partenti porta a termine la gara. Nei primi anni di una carriera internazionale di rilievo, il tedesco Olivier Gendebien, futuro ferrarista, vince la Coppa con la sua Mercedes-Benz 300 SL (detta 'ali di gabbiano' per l'apertura verso l'alto delle due portiere). Vince in 3 ore, 22'1" alla media di 89,77 km/h davanti, per venti secondi, a un frastornato Eugenio Castellotti – ingannato da un'errata segnalazione di vantaggio dei suoi meccanici – su Ferrari 500 Mondial. Terzo è un appassionato della corsa, Giulio Cabianca su Osca Mt 1500 che si aggiudica la seconda Coppa d'Oro delle Dolomiti avendo fatto registrare il miglior tempo nel triennio '53-'55. Quarto è Elio Zagato, carrozziere di futura fama internazionale che firma numerose auto nella storia della Coppa, su Fiat Zagato 8V.
1956 | Tra due Osca s'infila una Ferrari
All'ultima edizione della Coppa d'Oro si afferma finalmente l'Osca, la Casa sportiva dei fratelli Maserati che ha scritto grandi pagine di sfide nella storia di questa corsa. Primo al traguardo è il principale protagonista di questo decennio, Giulio Cabianca, che vince su Osca Mt 4 1500 superando anche il record di velocità media oraria stabilito da Paolo Marzotto nel '53 e infrangendo il muro dei 100 km/h. Il tempo è 3 ore 1'31" e la media è di 100, 417 kmh. Secondo è Olivier Gendebien, vincitore dell'anno precedente, passato di squadra e qui alla guida di una Ferrari 290 MM. Terza è l'auto gemella della prima classificata guidata da Umberto Maglioli. Quarto è Francesco Giardini con la Maserati A6 GCS. La velocità è aumentata di molto, basti pensare che anche il quinto arrivato, Camillo Luglio su Ferrari 250 GT, fa registrare un tempo con il quale avrebbe potuto vincere tutte le precedenti nove edizioni della Coppa.
  • EDIZIONE 2014
  • EDIZIONE 2015
  • EDIZIONE 2016
  • EDIZIONE 2017